Fondazione Musicale | MUSEO PIANOFORTI ANTICHI
10897
page-template-default,page,page-id-10897,edgt-core-1.0.1,ajax_leftright,page_not_loaded,,hudson-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

MUSEO DI PIANOFORTI ANTICHI

Aperto con ingresso gratuito in occasione dei concerti in Villa Centanin.
Su prenotazione, visite per gruppi in giorni ed orari da concordare.

In alcune Sale della sede della Fondazione Musicale Masiero e Centanin in via degli Ulivi 12 ad Arquà Petrarca è esposta una collezione di pianoforti del XVIII e XIX secolo di famosi costruttori tedeschi, inglesi, francesi ed italiani.

Sono presenti Fortepiani e Pianoforti a coda, a tavolo, verticali e di altre forme inconsuete che appartengono in parte alla Fondazione Musicale Masiero e Centanin ed in parte provengono da collezioni private.
Il termine Fortepiano, usualmente adoperato per indicare il Pianoforte del suo primo periodo storico, vale a dire approssimativamente dalla nascita ai primi anni dell’Ottocento, può ancora ingenerare qualche equivoco lasciando intendere trattarsi di uno strumento simile ma diverso dal Pianoforte.

Nei suoi primi stadi evolutivi il pianoforte in realtà ha avuto molti appellativi: Gravicembalo che fa il pian e il forte, Cembalo a piano forte, Cembalo di martelletti (Hammerflugel e Hammerklavier in tedesco), Piano-Forte, per citarne i più diffusi e, appunto, Fortepiano che forse è stato il più usato. Risponde ad una certa logica quindi riesumare, in un certo senso, il termine Fortepiano per indicare il Pianoforte delle origini. Naturalmente più appropriato sarebbe, volendo denominare un pianoforte antico fornire indicazioni più circostanziate: Pianoforte inglese della fine del ‘700 ad esempio o, addirittura, precisarne  le caratteristiche strutturali, l’autore e la data di costruzione:  pianoforte a coda J.A. Stein 1782.

L’allestimento del Museo non ha avuto solo la finalità di conservare esemplari di interesse storico ma soprattutto quella di far rivivere gli strumenti, dopo un restauro adeguato, nelle loro caratteristiche tecniche e sonore e con i loro mezzi espressivi molto spesso così diversi da quelli degli strumenti moderni.

I Pianoforti del Museo sono utilizzati anche in occasione delle attività concertistiche organizzate dalla Fondazione Musicale Masiero e Centanin: i Concerti di Primavera, Autunno Musicale in Villa Centanin, il Festival Euganeo d’Estate, i Concerti al Museo Eremitani.

Le visite al Museo sono possibili per gruppi su appuntamento. Il visitatore può brevementesuonare alcuni strumenti se lo desidera: si chiede semplicemente che il repertorio sia coevo allo strumento e il “tocco” adeguato.

Inoltre, è disponibile anche un servizio di visite guidate per Scuole Medie inferiori e superiori, Scuole di musica, Università e  Conservatori.

Di seguito, l’elenco dei pianoforti antichi esposti in Villa Centanin, sede della Fondazione ad Arquà Petrarca: