Fondazione Musicale | Piano a manovella
11117
page-template-default,page,page-id-11117,edgt-core-1.0.1,ajax_leftright,page_not_loaded,,hudson-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Piano a manovella

Questo strumento impropriamente detto Organetto di Barberia, dall’aspetto simile ad un pianoforte verticale, diffuso nella prima metà del ‘900, veniva fatto suonare per la strada, nelle fiere o durante le feste paesane trasportato su carretti trascinati da un asinello. Per mezzo della manovella viene fatto girare un rullo dentato (simile a quello dei Carillons) posto all’interno dello strumento. Ogni dentino del rullo fa scattare il martelletto corrispondente che va a percuotere la relativa corda. La percussione delle corde in successione esegue una breve composizione. Girando una seconda manovella posta lateralmente viene spostata la pozione del rullo per far azionare una diversa serie di dentini e produrre quindi una diversa melodia. Alcuni modelli, come quello presente, più rari, avevano dimensioni più ridotte e un aspetto più elegante per essere usati in casa. L’altro esemplare presente è denominato dal costruttore Juguete musical (giocattolo musicale) ed è una riproduzione in miniatura.