Fondazione Musicale | MUSEO
10694
page-template-default,page,page-id-10694,edgt-core-1.0.1,ajax_leftright,page_not_loaded,,hudson-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

MUSEO E MOSTRE

Aperti con ingresso gratuito in occasione dei concerti in Villa Centanin.
Su prenotazione, visite per gruppi in giorni ed orari da concordare.

MUSEO DI PIANOFORTI ANTICHI

Il Museo espone circa quaranta strumenti musicali provenienti dalla collezione di strumenti antichi di Franco Angeleri e da altre collezioni o pervenuti in donazione alla Fondazione Musicale Masiero e Centanin. Alle operazioni di restauro e manutenzione ha contribuito in maniera determinante la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. La raccolta rappresenta i vari criteri costruttivi e le caratteristiche sonore del pianoforte antico nella sua evoluzione dalla seconda metà del ‘700 alla fine dell’800 in Germania, Francia, Inghilterra ed Italia.

Vai alla pagina del museo

MOSTRA DI STAMPE ANTICHE

Nelle Sale che ospitano il Museo di Pianoforti antichi è esposta anche una collezione di stampe antiche a soggetto musicale di alcuni famosi incisori del periodo compreso fra il XVI e il XIX secolo, fra i quali Amman Jost, William Hogarth, Aveline, Bartolozzi, Remondini, J. G. Wille, Dequevauviller, Rops. Le stampe raffigurano ritratti di musicisti e musicologi, personaggi reali e mitologici legati alla musica, strumenti musicali antichi, suonatori di strumento, scene di concerti e accademie musicali. Al valore estetico le Stampe, raggruppate per soggetto, uniscono un peculiare significato iconografico.

Vai alla pagina della mostra

MOSTRA DI STRUMENTI DELLA TRADIZIONE MUSICALE POPOLARE

Nelle nuove sale dello stabile a nord del complesso  immobiliare di Villa Centanin, ristrutturate con il contributo della Regione Veneto, è allestita una Mostra permanente di strumenti della tradizione musicale popolare del periodo compreso fra la metà dell’Ottocento e la metà del Novecento, provenienti dall‘Italia, Francia, Austria, Germania, Russia, Ungheria, Cina, Croazia, Stati Uniti.

Vai alla pagina della mostra