Fondazione Musicale | Dulcitone
11128
page-template-default,page,page-id-11128,edgt-core-1.0.1,ajax_leftright,page_not_loaded,,hudson-ver-1.9,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

DULCITONE

Inventato e costruito da Thomas Machell a Glasgow nel 1850 il Dulcitone è uno strumento a tastiera dotato di una meccanica di tipo inglese simile a quella del pianoforte. I martelli però non percuotono le corde ma una serie di diapason producendo una sonorità dolcissima e pura, estremamente debole.

E’ provvisto di una leva, con funzione di sollevamento degli smorzatori come nel pianoforte, azionando la quale col piede si ottiene un effetto suggestivo.

Ebbe diffusione fra i missionari britannici che, per la praticità di trasporto e per la perfetta stabilità di accordatura, lo portarono con sé nei paesi ove si proponevano di diffondere il cristianesimo.

Per questa ragione si trovano esemplari di Dulcitone in Nuova Zelanda, in Australia, in Oriente, in India.

Usato per la musica popolare e religiosa fu soppiantato alla fine dell’800 da uno strumento simile, la Celesta, nel quale in luogo di Diapason furono usate delle piastre metalliche in grado di produrre una sonorità maggiore.

Il Dulcitone ed in seguito la Celesta furono impiegati per il loro timbro particolare anche nella musica colta.